Logo Unipol

OLIMPIADI TOKYO 2020: SEMPRE PIU' LONTANE

Bernadette Serratore, Lunedì, 23 Marzo 2020

Il primo ministro giapponese per la prima volta parla di un possibile rinvio: "E' difficile poter pensare di organizzare i Giochi in questo contesto, dobbiamo dare la priorità alla salute degli atleti". Arrivano le prime rinunce da Canada e Australia
OLIMPIADI TOKYO 2020: SEMPRE PIU' LONTANE

I dubbi e le incertezze sulla possibilità di organizzare le Olimpiadi di Tokyo 2020, nella data prevista dal 24 luglio al 9 agosto, alla luce della pandemia da Covid-19, crescono di ora in ora. Il giorno dopo la decisione del Comitato olimpico internazionale di prendere in esame l'ipotesi e darsi  un mese di tempo per decidere se disputare regolarmente o posticipare i Giochi, per la prima volta anche il premier giapponese, Shinzo Abe, apre ad un eventuale rinvio: "Se diventa difficile organizzare i Giochi secondo il programma iniziale, dobbiamo decidere di posticiparli, dando la priorità alla salute degli atleti - le parole del primo ministro nipponico nel corso di una sessione parlamentare - Anche se il Cio avrà l'ultima parola sulla decisione finale, siamo d'accordo sul fatto che una cancellazione dell'evento non rappresenta un'opzione".

 Arrivano intanto le prime rinunce ufficiali in vista della rassegna a cinque cerchi. Dopo le esortazioni dei comitati olimpici e delle federazioni sportive straniere, con le richieste esplicite a un rinvio, Canada e Australia hanno annunciato la non partecipazione ai Giochi di Tokyo a meno che non slittino di un anno, al 2021. Il Comitato olimpico canadese (Coc), d'accordo con quello paralimpico e sostenuto da federazioni e governo, ha ufficializzato in una nota di aver preso "la difficile decisione di non mandare i propri atleti alle Olimpiadi nell'estate 2020. Per quanto riconosciamo le complessità legate a un rinvio, niente è più importante della salute e della sicurezza dei nostri atleti e della comunità mondiale". Per il Coc, inoltre, "non è solo una questione di salute degli atleti ma di salute pubblica". Abbastanza netta anche la presa di posizione del Comitato olimpico australiano (Aoc) che ha indicato ai propri atleti di "prepararsi per i Giochi di Tokyo del 2021" ritenendo che debbano ora "dare priorità alla propria salute e a quella di chi li circonda". Secondo l'Aoc "non può essere assemblata una squadra australiana" per l'estate vista l'emergenza sanitaria legata al coronavirus. “È chiaro che i Giochi non possono disputarsi a luglio", sentenzia al termine di una videoconferenza il capo delegazione Ian Chesterman.

Copyright © 2018 Percorsi di Nuoto. Tutti i diritti riservati.

Ultime Notizie


Scopri l'ultimo servizio


Sporting Club Poseidon: la casa dello sport

Sporting Club Poseidon: la casa dello sport

"Nuoto, calcio, basket, danza. Lo sport a 360°."

Segui il percorso

 

  • Video Sei una struttura

    Sei una
    struttura?

    Racconta il tuo Percorso di Nuoto

    Contattaci

    Ufficio +39 0968 43 48 32

    Contattaci

Partner

  • Logo Fiscal Focus
  • Logo Arvalia

Contatti

Via Giovanni De Sensi
Lamezia Terme
Tel +39 0968 43 48 32

Seguici

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la fruizione dei contenuti