Logo Unipol

"Tra 10 anni? Mi vedo in piedi"

Bernadette Serratore, Mercoledì, 13 Marzo 2019

"Non mi importa di chi mi ha sparato, cosa posso dire di quel genere di persone, se li incontrassi riderei."

Sorridente e pieno di ottimismo per il futuro si mostra così Manuel Bortuzzo, che per alcune ore lascia la Fondazione Santa Lucia, dove ha iniziato la neuro-riabilitazione, per incontrare i tanti giornalisti al Centro Federale di Ostia, nella piscina in cui si allenava con i campioni Gregorio Paltrinieri, Gabriele Detti e l’amica Ilaria Cusinato, che conosce fin dai tempi di Venezia. Al suo fianco, mamma Rossella, papà Franco e il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli. 

“Non maledico quel giorno, perché stavo vivendo la mia vita – dice con forza e determinazione Manuel – Si è trattato di uno sbaglio e adesso voglio soltanto andare avanti e pensare a me stesso. Non mi importa di chi mi ha sparato, cosa posso dire di quel genere di persone, se li incontrassi riderei. Lo sport mi ha insegnato a restare tranquillo, ma questa forza interiore fa parte della nostra famiglia. L’aiuto di tutti voi è importante e vi ringrazio”.

“L'incontro che resterà nel cuore? Quello con Bebe Vio” - la campionessa di scherma che è andata a trovarlo al centro di riabilitazione Santa Lucia, - “abbiamo parlato di tante cose, mi ha raccontato la sua storia e come ha affrontato la sua condizione. È molto forte e mi ha trasmesso tanta positività.” – racconta Bortuzzo.  

Con tutta la sua saggezza prosegue - “certo che trovarmi così a 19 anni non è il massimo però c’è chi mi sta aiutando davvero tanto”. La mamma non si è mai allontanata da Manuel, il papà fa la spola fra gli altri figli in Veneto e la capitale. “Ieri c'ho messo meno del Freccia Rossa” - commenta divertito Franco Bortuzzo – “Speranze? Nessuna - risponde senza troppi giri di parole il padre -.” “Dove non arriva la scienza arriva la fede – ribatte Manuel.  

“Come mi vedo tra dieci anni? Mi vedo in piedi. Il mio sogno più grande è camminare, ma ora l’importante è che stia andando tutto per il meglio. A chi vive la mia stessa situazione dico di non abbattersi mai, di guardarsi dentro e trovare la forza di riprendersi la propria quotidianità".

 Un ragazzo d’oro dal carattere d'acciaio e la sua reazione non può essere che quella di un atleta.

Copyright © 2018 Percorsi di Nuoto. Tutti i diritti riservati.

Ultime Notizie


Scopri l'ultimo servizio


Sporting Club Poseidon: la casa dello sport

Sporting Club Poseidon: la casa dello sport

"Nuoto, calcio, basket, danza. Lo sport a 360°."

Segui il percorso

 

  • Video Sei una struttura

    Sei una
    struttura?

    Racconta il tuo Percorso di Nuoto

    Contattaci

    Ufficio +39 0968 43 48 32

    Contattaci

Partner

  • Logo Fiscal Focus
  • Logo Arvalia

Contatti

Via Giovanni De Sensi
Lamezia Terme
Tel +39 0968 43 48 32

Seguici

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la fruizione dei contenuti